Navigazione veloce

Memoria

  • Add to favorites
  • Print
  • PDF
  • Email

LE CLASSI DELLA SCUOLA CHE QUEST’ANNO HANNO PARTECIPATO AL PROGETTO MEMORIA SONO STATE la 3 E e la 3 N.

Guarda il pdf del progetto

Il progetto : “Viaggio nella memoria” è organizzato dal Comune di Roma ed ha come finalità quella del recupero e della valorizzazione della memoria storica, l’educazione alla pace e la difesa dei diritti umani.
I viaggi della memoria nella Shoah e negli orrori della guerra hanno il comune obiettivo di stimolare riflessioni, la consapevolezza che per progettare il futuro significa partire dalla conoscenza della storia.
La salvaguardia della Memoria serve a sviluppare la capacità, poi, di trovare i giusti e necessari collegamenti ed insegnamenti per il presente, a partire dalla comprensione nelle vecchie e nuove discriminazioni, dell’importanza di essere attivi, partecipi, consapevoli.
—————————————————-

Il progetto si è svolto con un percorso di visite di luoghi simbolo, come la visita all’ex ghetto, alle Fosse Ardeatine, e di approfondimenti tematici. Si è concluso con un viaggio didattico dal 16 al 18 Aprile nel campo di concentramento di Fossoli (in provincia di Modena) a cui abbiamo partecipato in 5, scelti tra gli alunni della scuola.
Dal gennaio del ’44 Fossoli è stato il punto di raccolta principale delle persone che dovevano essere inviate ai campi di concentramento tedeschi. Da Fossoli sono partiti almeno 5.000 prigionieri verso l’inferno. Fra loro anche Primo Levi.
Noi ragazzi , dopo il viaggio, abbiamo realizzato un prodotto con cui la nostra scuola ha partecipato ad una mostra al Vittoriano che ha raccolto i lavori di tutte le scuole di Roma, legate al progetto.
——————————————————
Poi abbiamo scelto una giornata nella quale restituire a tutte le terze della scuola l’esperienza vissuta durante il viaggio.
In occasione di questa giornata che si è svolta il 24 Maggio la scuola ha ricevuto come ospite un testimone della Memoria, il Dr. Nando Tagliacozzo, uno dei sopravvissuti al rastrellamento nell’ex ghetto di Roma del 16 Ottobre 1943.
Era un bambino di pochi anni, quel giorno in casa con il papà e la madre. Nell’altro appartamento la sua sorellina e sua nonna. In quegli attimi il destino ha scelto: lui ed i suoi genitori vivi, sua sorella e sua nonna ad Auschwitz. Non le rivedrà mai più. Il passaggio successivo del suo narrare parla del rifugio in un convento durato mesi. Lui ed il resto della famiglia salvati dalle suore, non il suo papà purtroppo. Dopo pochi mesi fu, attraverso un falso appuntamento, venduto ai nazisti.
Il Dr Tagliacozzo ha affidato ai noi ragazzi il suo messaggio di ottimismo e il suo incitamento a non arretrare mai nella difesa dei diritti e del nostro futuro.
Si è complimentato con il lavoro in power point che abbiamo realizzato per raccontare il viaggio ai nostri compagni.


http://www.icbelfortedelchienti.gov.it/wordpress/wp-content/plugins/wp-accessibility/toolbar/css/a11y-contrast.css